VIVERE LA PASSIONE SICULA

Seguire colori e profumi di questa terra significa vivere a 360 gradi la passione della calda gente del posto, passione racchiusa nelle tradizioni, nelle gustose pietanze e nei profumati vini.

Una terra dai colori accesi, burrascosa e passionale ad un tempo, che non conosce mezzi toni. Così si presenta l’isola più vasta del Mediterraneo, la Sicilia. Una regione misteriosa, ma vera in ogni aspetto e tutta da esplorare, in grado di fissare in modo indelebile la propria immagine nell’anima dei viaggiatori.
I contrastanti paesaggi, l’energico sole, i succosi agrumi sono solo alcuni dei suoi volti. La Trinacria, così denominata dagli antichi Greci per la sua forma a tre punte, è soprattutto terra della vite e del vino. Una vocazione, quella vitivinicola, dalle radici millenarie ma rinata solo di recente, alla fine del Novecento, in quello che è stato definito il "miracolo siciliano". Grazie alla risvegliata coscienza dei vignaioli circa le potenzialità della propria terra, tra le colline, la piana di Catania e il massiccio vulcanico dell’Etna si estendono oltre 130 mila ettari di vigneti che producono circa 8 milioni di ettolitri di vino all’anno. La Sicilia può contare infatti su ben 19 DOC, vini a Denominazione di Origine Controllata, e 7 IGT, vini a Indicazione Geografica Tipica, sfoggiando rinomati elisir come Nero d’Avola, Malvasia, Moscato e poi ancora Grecanico, Frappato, Cerasuolo di Vittoria, Nerello Mascalese.
Un’arte che è possibile toccare con mano, vivere in prima persona seguendo i profumi e sapori delle "Rotte del vino", veri e propri percorsi tra natura, cultura e vino istituiti solo di recente (maggio 2004). Attraverso questi itinerari del gusto, il grappolo mostra all’esploratore i tesori siciliani: suggestivi paesaggi, radicate tradizioni, allegre feste popolari, gustose pietanze, profumati e corposi elisir. Si passeggia tra coste e saline, fertili distese di grano e sterili colline, fitti boschi e filari ordinati di vigneti, rocce cristalline e ricca vegetazione alle pendici dell’Etna, sostando in musei, casolari o cantine. Profumi e colori si mescolano insieme e si confondono tra le innumerevoli ricchezze custodite dal "terroir" siciliano, in una cornice di calda ospitalità e vera tradizione.
Così è possibile navigare attraverso territori vulcanici seguendo la Strada del Vino dell’Etna, riserve naturali e siti archeologici lungo la Strada del Vino Alcamo Doc, percorrere le dolci note della Strada del Vino di Marsala Terre d’Occidente o essere avvolti dalla storia passeggiando nella Strada Terre Sicane. E poi ancora le novelle Strada del Vino Doc Monreale, quella del Vino Cerasuolo di Vittoria dal Barocco al Liberty e infine la Strada del Vino dei Castelli Nisseni.

In evidenza