Un viaggio nella Puglia dei trulli

Il cuore verde delle Murge è meta da non perdere per chi ama le vacanze alla scoperta di luoghi immersi nel verde della campagna. Migliaia di trulli punteggiano la zona, testimoniando una visione tanto affascinante quanto misteriosa, su cui si possono ancor oggi leggere i simboli, sacri e profani, di uno storico passato.

Queste singolari costruzioni, in bilico fra storia e leggenda, riportano alla mente le geometrie dei nuraghi sardi, delle borie francesi e altre costruzioni simili che si possono ammirare in Spagna, Turchia e Africa.
Un paesaggio da sogno quello della Valle dei Trulli o Valle d’Itria, dove tra i muretti a secco che delimitano i vigneti spuntano qua e là le tipiche costruzioni coniche che rendono unica la zona; sono testimonianze millenarie, ancora vive nell’architettura popolare italiana, costruite interamente in pietra, composte da un cilindro sormontato da un cono.
Il cuore della Murgia dei Trulli è Alberobello, le cui tipiche costruzioni sono state dichiarate patrimonio dell’Unesco nel 1996. Le abitazioni della città sono infatti costituite da circa un migliaio di trulli, articolati su due piani e tutti da ammirare.
Nel centro pugliese è possibile anche avvicinarsi alla realtà e tradizione locale dell’olio e del vino, assaporando la specialità tipica della domenica locale, le orecchiette, impastate dalle sapienti mani delle donne del luogo. Inoltre, si possono vedere i “maestri trullari” che lavorano la pietra a mano per il restauro dei trulli.
Da visitare: il Museo dell’olio, dove un antico frantoio e vecchi attrezzi della cultura contadina fanno da sfondo a una piacevole degustazione di olio extravergine di oliva e prodotti tipici; la neoclassica Basilica Minore, monumento dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità; la chiesa di Sant’Antonio, dalla particolare forma a trullo, che la rende unica al mondo; il trullo sovrano, che rappresenta il più avanzato esempio di trullo dove ancora oggi è possibile respirare l’originaria atmosfera di tempi antichi, tra attrezzi da cucina perfettamente conservati e oggetti di vita quotidiana.
Per chi volesse dedicarsi allo shopping, il centro storico del rione “Monti” offre sette vie di botteghe aperte fino a tarda sera, dove maestri artigiani fanno mostra della loro maestria.
Tra le altre località da visitare tra ulivi e vigneti, all’interno della zona punteggiata dai trulli: Locorotondo, piccolo paese caratteristico per il bianco delle sue case; Martina Franca, caratterizzata da lineamenti barocchi che ne fanno una delle più caratteristiche cittadine pugliesi; Ostuni, definita anche “città bianca”, dove vicoli e viuzze scandiscono l’andamento dei camminamenti del borgo medioevale in cui padroneggia il bianco delle abitazioni.