un brindisi nel verde cuore dell'Italia

Attraversare l’Umbria significa farsi catturare dalle mille sfumature della sua terra, in un puzzle di colori, paesaggi e memorie che esaltano i magici profumi della vite.

L’Umbria si presenta come una terra camaleontica, dai molteplici volti: campi chiusi da siepi e muretti si alternano a piantagioni specializzate, macchie di boschi a distese di olivi e girasoli, altipiani rocciosi a colli ondulati. Diverse sono anche le parlate, un mix di elementi toscani, marchigiani e laziali. Tuttavia identico è l’amore della gente per la terra e le tradizioni, tutte racchiuse in un simbolo: il frutto della vite.
Il vino è sempre stato una costante nella cultura umbra, insito nella sua stessa storia, un amore narrato persino sui bassorilievi delle facciate delle chiese. Il clima particolarmente mite e la permeabilità dei terreni, in grado quindi di favorire la crescita e la piena maturazione dell’uva, hanno permesso a questa piccola regione di diventare terra di grandi vini. Un tempo tradito dai vignaioli, adesso è l’elisir dei vigneti che accompagna il viaggiatore alla scoperta dei variopinti tesori umbri, dove il “Cuore Verde d’Italia” racconta se stesso attraverso arte, storia, gastronomia e artigianato. Seguendo il grappolo lungo le Strade del vino, è possibile visitare le cantine, assaggiare i prodotti tipici, entrare nell’Umbria della memoria e ripercorrere il vissuto attraverso borghi antichi, rocche, ville e castelli.
Ma questi gustosi itinerari non esaltano solo le divine note umbre, che spaziano tra 2 DOCG (vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita), ovvero il Forgiano Rosso riserva e il Sagrantino di Montefalco, 11 DOC (Denominazione di Origine) e 6 IGT (Indicazione Geografica Tipica). Anche i sapori della buona tavola sfilano lungo questi percorsi: lenticchie, farro, tartufo, pesce di lago, maiale e piccione, nonchè l’Olio extravergine d’oliva DOP “Umbria” (unica denominazione italiana che copre l’intera produzione oleicola regionale), il Prosciutto di Norcia IGP e la Lenticchia di Castelluccio IGP (fregiati dell’Indicazione Geografica Protetta), caratterizzano la cucina locale, una cucina popolare e contadina, fatta di ricette semplici, ancorate al territorio e alle sue risorse. Da questi prodotti tipici prendono forma numerosi piatti classici come i palombacci alla ghiotta, il tegamaccio di pesce del lago Trasimeno, la porchetta, gli stringozzi, le zuppe di lenticchie, gli arrosti misti, le focacce al formaggio, il pampepato di Terni, i fichi farciti con mandorle, le noci di Amelia.
Basta scegliere una delle quattro suggestive Strade del vino presenti, dalla Strada dei vini del Cantico alla Strada dei vini Etrusco Romana, dalla Strada dei Colli del Trasimeno alla Strada del Sagrantino, per entrare in contatto con l’anima stessa di questa terra, una fusione perfetta tra antico e moderno, dove conventi, casali, abbazie e castelli si integrano armoniosamente con l’Umbria dei grandi eventi musicali e mondani di rilevanza internazionale, come Umbria Jazz e Spoleto Festival.