Roma, la città eterna

La capitale dell’Italia è considerata in tutto il mondo un vero e proprio museo all’aria aperta. Nella città laziale sono innumerevoli i monumenti e le bellezze che si possono vedere e ammirare per conoscere e apprezzare la grandiosità passata e presente di Roma e del suo Impero.

La storia

21 Aprile 753 a.C: questo è il giorno in cui secondo la leggenda, Romolo tracciò, dal colle Palatino, un solco con un aratro per segnare le mura della città. In realtà Roma sorse lentamente, partendo dal colle Palatino ed estendendosi solo in seguito sui colli vicini, diventando poco alla volta la “città dei sette colli”. Questi villaggi, riunitisi in una lega sacra, iniziarono la millenaria storia della città eterna. Dal 753 al 509 a.C. Roma fu governata dai re, diventando successivamente Repubblica con una serie di norme che regolavano il funzionamento dello Stato stesso. Nei secoli a cavallo della nascita di Cristo la città acquistò quel carattere di grandiosità e splendore che l’hanno resa celebre, divenendo capitale di un impero e raggiungendo l’apice nei secoli II e III. È nel 476 d.C. però, che le invasioni dei Goti e dei Vandali portarono alla fine dell’Impero Romano d’Occidente. Dopo il saccheggio della città da parte dei Saraceni, Papa Leone IV fortificò una parte della città situata alla destra del Tevere, dando vita alla cosiddetta ”città Leonina” e affermandosi come vero signore di Roma. Nella sua storia millenaria, la città subì anche l’annessione da parte della Francia, che nei suoi progetti vedeva Roma come seconda grande città dell’impero Napoleonico. Nel 1815 con Pio VII la città tornò a diminuire d’importanza e a chiudersi in se stessa per tutto il secolo fino al 1870, data in cui ci fu la sua annessione all’Italia. Roma crebbe sempre più nonostante le distruzioni e gli stenti delle due guerre mondiali. Furono realizzate strade di vitale importanza e si svilupparono nuovi e importanti quartieri. Nella seconda metà del secolo scorso ha vissuto fasi alterne e ha visto l’espansione della città verso le borgate e l’hinterland. Attualmente Roma è la capitale d’Italia e il centro mondiale della cristianità, grazie alla presenza del Stato Pontificio.

La città e i suoi monumenti

Descrivere la città e i suoi monumenti risulta particolarmente difficile, tante sono le opere d’arte a testimonianza della grandezza passata di Roma: l’Anfiteatro Flavio, conosciuto come Colosseo sede di lotte tra gladiatori e con una capienza di circa 45 mila spettatori, i Fori Imperiali, il Circo Massimo, la Città del Vaticano con i Palazzi Vaticani, l’Altare della Patria, il Campidoglio, il Pantheon, le innumerevoli chiese e vie come via Condotti e via del Corso, i palazzi disseminati in tutta la città come Palazzo Borghese, Palazzo Montecitorio, il Palazzo della Borsa e infine la Fontana di Trevi. Roma va guardata e ammirata con i propri occhi passeggiando nelle sue vie è possibile rivivere il passato e immaginare quella che era la maestosità di una città che per secoli è stata il centro del mondo antico, “caput mundi”.

Il territorio

La provincia di Roma è di riflesso un territorio ricco di storia e di località che richiamano la grandezza del mondo antico, ma anche di infiniti panorami naturali. Ostia, antico porto romano in epoca imperiale, Tivoli e Frascati, considerate luogo di villeggiatura degli antichi e ricche di stupende ville; Velletri e Castel Gandolfo, residenza estiva dei papi. Ma il territorio è costituito anche da note località marittime come Fregene, la spiaggia più elegante di Roma, Anzio, Nettuno, Santa Severa e Fiumicino. Più a nord invece il lago di Bracciano, con la classica forma circolare dei bacini vulcanici e con i paesi ricchi di storia adagiati sulle sue rive, tra cui Bracciano stesso, Cerveteri e Anguillara.