PORDENONE, CUORE ECONOMICO DEL FRIULI

La storia della città venne scritta tra castelli e borghi medioevali. I suoi monumenti, con i palazzi, le chiese e le opere d’arte, testimoniano le vicende passate, nel susseguirsi di varie dominazioni, e ancora oggi attirano numerosi turisti.

La storia

La città di Pordenone è un importante centro economico industriale del Friuli occidentale e vanta origini preistoriche; in epoca romana furono determinanti la fondazione della colonia di Aquileia e la costruzione della via Postumia che univa la città con Genova. In seguito alla caduta dell’impero anche il pordenonese subì le incursioni delle popolazioni barbariche, ma solo i Longobardi lasciarono tracce significative del loro passaggio. Sul finire del XIII secolo passò agli Absburgo e vennero così a formarsi le basi per lo sviluppo successivo della città che poteva vantare legami economici con mercati sia locali che esteri. Nel 1537 passò sotto la legislazione di Venezia, ma è nel periodo del Regno Lombardo Veneto che Pordenone visse un autentico decollo industriale supportato in modo determinante dall’energia idroelettrica. In questo campo infatti Pordenone può vantare invidiabili potenzialità. Con la terza guerra d’indipendenza la città passò definitivamente in territorio italiano nel 1866.

La città e i suoi monumenti

Il centro storico cittadino è attraversato da una principale arteria, Corso Vittorio Emanuele, che offre numerose attrattive e rappresenta il cuore della città. Sotto i suoi portici si susseguono i negozi e i palazzi gotici, rinascimentali e barocchi gli attribuiscono un fascino d’altri tempi. Tra i monumenti principali ricordiamo il Duomo di San Marco, splendido esempio di secoli di dominazioni e contenitore di pezzi d’arte di pregio: statue, affreschi e tele del Tintoretto. L’ex convento di San Francesco è oggi sede di numerose mostre e assieme al Castello rappresenta un tappa obbligata nella visita della città.

Il territorio

Appena fuori dalla città si può visitare il paese di Torre, che, abitato sin da epoca romana, conserva numerose testimonianze del passato. Sempre nei dintorni la Valle del Noncello, dove concedersi una passeggiata in riva al parco fluviale o visitare il parco di San Valentino: con i suoi sette ettari di estensione è il più grande parco cittadino del Friuli. Al suo interno si possono trovare un percorso ginnico e un laghetto abitato da varie specie di uccelli acquatici. Numerosi poi sono i castelli, palazzi storici e borghi mediovali, luoghi ricchi di storia e memorie come il castello di Caneva, quello di Aviano, quello di Maniago o quello di Porcia, che vide scrivere tra le sue mura importanti pagine di storia.