LIVORNO E IL SUO CUORE, PIAZZA GRANDE

Conosciuta in quanto sede dell’accademia della Marina Militare e per la sua potenza industriale, Livorno è anche città d’arte.

La storia

Fondata nel 1577 da Francesco I dè Medici al margine meridionale della piana di alluvione formata dall’Arno, ebbe un notevole sviluppo grazie alla funzione portuale e alla “costituzione” del 1593, che stimolava l’immigrazione e la libertà. Nel cuore della città moderna, attiva per commerci e industrie, si può tuttora riconoscere il pentagono della città medicea, circondato dai fossi e dalle linee di ampliamento diretto dei Lorena, al principio dell’800. Benedetto Brin nel 1881 istituì a Livorno l’Accademia Navale per la formazione degli ufficiali della Marina Militare. La città fu inoltre rinomata stazione balneare con forte vocazione turistica a cavallo del ’900, mentre oggi è un affermato nodo portuale italiano.

La città e i suoi monumenti

Il cuore della città è Piazza Grande, cinta di palazzi e portici, completamente ricostruita dopo la seconda guerra mondiale. Su di essa si affacciano il palazzo Grande, il palazzo Comunale, il palazzo della Camera di Commercio e il Duomo, ricostruito dopo i bombardamenti del 1943. Altri luoghi da visitare in città sono Piazza della Repubblica, che copre un tratto del Fosso Reale oltre il quale si leva la Fortezza Nuova (realizzata tra il 1590 e il 1605 da Bernardo Buontalenti su volere di Ferdinando I), originariamente unita alla Fortezza Vecchia. Oggi è adibita a parco pubblico. “Venezia nuova” è invece un popolare e caratteristico quartiere, un tempo abitato da pescatori e marinai, che conserva tutt’ora le caratteristiche del progetto originale, con una fitta rete di canali attraversati da ponti. Il monumento dei Quattro Mori si trova in piazza Micheli, eretto da Ferdinando I e considerato il più celebre monumento di Livorno. Deve il suo nome alle quattro figure in bronzo di mori incatenati uno all’altro. Infine da non perdere alcune ville tra le quali spicca Villa Maria, sede del Centro di documentazione e ricerca visiva.

Il territorio

Anche il territorio di Livorno presenta una notevole varietà di luoghi adatti a soddisfare le esigenze del turista. Luoghi come l’Isola d’Elba, baciata da un mare che ha conservato l’azzurro profondo e magiche trasparenze, è un angolo di paradiso vicino e facile da raggiungere, lontano dai luoghi comuni della vacanza di massa. Conoscere l’Elba significa scoprire una costa che alterna lunghe spiagge dorate, calette appartate e scogliere spettacolari. Scoprire l’Elba vuol dire visitare antiche miniere e piccoli borghi medievali, assaporare una cucina ricca di sapori, immergersi nel verde dei boschi o praticare in assoluto relax il proprio sport preferito. Visitare l’Elba vuol dire tuffarsi in un mondo senza tempo in cui sogno e realtà si fondono in modo del tutto naturale. Le ultime isolette che formano l’Arcipelago Toscano sono Gorgona, Montecristo e Pianosa, rimaste tre perle del Tirreno e dichiarate Parco Nazionale a riserva integrale come Gorgona e Montecristo. Grazie a queste particolari situazioni sono rimaste inaccessibili e incontaminate, preservando così la propria bellezza sia nel territorio che nelle acque circostanti. Proseguendo il nostro viaggio incontriamo Cecina, che rappresenta un importante e rinomato centro turistico e commerciale, nato dalla bonifica granducale eseguita intorno al 1800 circa e che comprende anche la zona balneare di Marina di Cecina. Piombino infine, si estende sulla punta meridionale del promontorio omonimo, di fronte all’isola d’Elba.