I laghi di Varano e Lesina

Situati a nord del promontorio del Gargano, in provincia di Foggia, i laghi di Varano e Lesina sono tra i più estesi tra quelli esistenti lungo le coste della Penisola. Un paradiso per gli animali, ma anche per i turisti in cerca di ambienti incontaminati e gli appassionati di pesca.

Il lago di Varano, grazie alla superficie di circa 60 chilometri quadrati, è il maggiore lago costiero italiano, il più grande dell’Italia meridionale e il settimo dell’intera Penisola. Situato sulla costa settentrionale del Gargano, le sue acque bagnano i territori di Cagnano Varano, Carpino ed Ischitella, anche se nessuno di questi comuni si affaccia sullo specchio lacustre.
Tradizionalmente viene chiamato lago, ma più propriamente è una laguna. Scavato nella massa calcarea garganica, tra il promontorio di Monte d’Elio e la punta di Rodi Garganico, si estende per una larghezza di circa 10 chilometri, mentre il perimetro misura circa 30 chilometri; la profondità delle acque è piuttosto scarsa.
A nord il lago di Varano è separato dal mare Adriatico da una stretta linea di terra, larga un chilometro e lunga 10, chiamata “isola”, coperta di pini, salici, eucalipti e altre piante che emanano soavi profumi mediterranei. Inoltre, il lago comunica con il mare tramite due canali: la foce di Varano e la foce di Capoiale.
Sull’isola omonima del lago si trova la riserva naturale statale Isola di Varano, 145 ettari istituiti nel 1977 per dare una casa ad aironi, cormorani, anatre, fenicotteri, gabbiani e tante altre specie di uccelli.

Altra oasi pace e bellezze naturali è il lago di Lesina, bacino lacustre ma con acqua salata, posizionato a nord della regione pugliese, tra il Tavoliere delle Puglie e il promontorio del Gargano. Le sue dimensioni - circa 20 chilometri di lunghezza, 2,4 chilometri in media di larghezza e una superficie di 51,4 chilometri quadrati - lo rendono il nono lago italiano e il secondo dell’Italia meridionale, dopo quello di Varano.
Due canali, l’Acquarotta e lo Schiapparo, lo mettono in comunicazione con il mare Adriatico, da cui la separa una duna, detta Bosco Isola, larga circa 2 chilometri e lunga 16. Numerosi torrenti assicurano al lago un discreto apporto d’acqua dolce. Tutta la zona un’ampia palude, ideale per pesci e animali acquatici. Le acque del Lesina sono popolate soprattutto da anguille.
Nella parte orientale del lago si trova la Riserva naturale Lago di Lesina, un’area protetta statale istituita nel 1981 per preservare le bellezze di questi luoghi.